lunedì 21 dicembre 2009

[Mostra] I capolavori del TIEPOLO a Bergamo, Restauro della Grande Pala del Paradiso dal 16 dicembre 2009 al 31 gennaio 2010.

I capolavori del Tiepolo a Bergamo, Restauro della Grande Pala del Paradiso
Scritto da Margherita, lunedì 21 dicembre 2009
.: dove: luoghi vari, Bergamo
.: quando: dal 16 dicembre 2009 al 31 gennaio 2010
Pala di Rovetta dopo il restauroUn'occasione unica per conoscere da vicino uno dei protagonisti della pittura italiana del Settecento. Un'iniziativa di grande fascino, che consentirà al pubblico non solo di ammirare una serie di capolavori, ma anche di approfondire il percorso di restauro di una grande opera.

Fino al 31 gennaio 2010, presso il Palazzo della Ragione di Bergamo Alta, si potrà vedere da vicino restauro della Grande Pala del Paradiso di Rovetta, che sarà messa per la prima volta a confronto con il suo bozzetto, anch'esso restaurato per l'occasione.
Inoltre i visitatori avranno l'opportunità di vedere riunite tutte le opere che Giovan Battista Tiepolo eseguì per il territorio di Bergamo. L'itinerario artistico è compreso tra la collezione dell'Accademia Carrara, gli affreschi della Cappella Colleoni, la grande pala del Duomo e il dipinto della Chiesa di S. Salvatore.
L'evento nasce proprio dal restauro della grande pala intitolata Gloria di Ognissanti (cm. 383 di altezza e 236 di larghezza), nota anche come Quadro del Paradiso, eseguita nel 1734 da Giovan Battista Tiepolo per il presbiterio della Chiesa di Rovetta (Bergamo). 
Il delicato restauro è stato affidato ad Antonio Zaccaria, già autore del restauro dell'altra grande pala nel Duomo di Bergamo.
L'intervento restituisce al dipinto i colori, l'abilità esecutiva, l'inventiva e il drammatico dinamismo che contraddistinguono il Tiepolo. Inoltre sono state svolte indagini scientifiche con lo scopo di conoscere meglio sia i materiali che la tecnica pittorica dell'artista veneziano.
L'esposizione analizza i metodi e l'iter del restauro, utilizzando anche un interessante video realizzato ad hoc. Occorre ricordare che per il pubblico si tratterò di una visione senza precedenti (e con ogni probabilità irripetibile) della pala: sarà possibile infatti vederla a distanza ravvicinata prima della ricollocazione definitiva, in alto, nel presbiterio della Chiesa di Rovetta.
---

Ricerca Personalizzata

Cerca con Google
Si è verificato un errore nel gadget