venerdì 22 gennaio 2010

mda event MOSTRA Milano, Les petits chichis "the nature of beauty in art" Paola Elsa Tagliabue e Moniblu dal 7 al 28 marzo 2010

les petits chichis - milano
  the nature of beauty in art
paola elsa tagliabue
moniblu
7 - 28 marzo 2010

 

Opening: domenica 7 marzo 2010 ore 11.00
paola elsa tagliabue Scrive di lei Alberto Bonacina:
Partendo da suggestioni ispirate da sensazioni e ricordi, Paola Elsa Tagliabue esprime dipingendo le proprie emozioni, dando vita ad una pittura serenamente devota a magiche atmosfere. Trasposta con una morbida stesura, la realtà assume i contorni del sogno grazie alla capacità della pittrice di disegnare percorrendo la via indicata dalla fantasia. Tale via la porta ad abbandonare la realtà formalmente intesa a favore della visione, la cui evanescente sostanza è la materia di cui si compongono i dipinti, poeticamente accesi da un cromatismo e da un approccio figurativo onirici.
e Lorenza Fragomeni:
Intimità, calore, magia.
Le prime parole che vengono in mente di fronte l'opera di Paola Elsa Tagliabue. Una tecnica aerea, una pennellata intensa ed impalpabile insieme, una realtà incantata che ci cattura il cuore, rapisce gli occhi e ci trascina in un armonia di colore e movimento.
C'è una spontanea facilità nell'accostarsi alla sua pittura, data dalla purezza delle intenzioni, dall'onestà con la quale si pone di fronte alle candide tele, si avverte il suo essere libera da ogni schema volendo comunicare un emozione nel modo più vero e diretto.
Le figure, nel tormento dell'essere, vivono con astuta leggerezza, scuotono via la materia e si liberano nel chimerico scenario illustrato abilmente dall'artista.
La pittrice con un accostamento di colori acidi a volte, caldi altre, rappresenta il raggiungimento di una meta ambita quanto difficile: la semplicità e l'immediatezza d'espressione.
Riflesso in queste intense tele scopriamo un mondo soave e vibrante nel quale perdersi nell'incanto dell'illusione.

moniblu Scrive di lei Franco Migliaccio:
L'impegno di Moniblu nell'accostamento dellaproduzione artistica nel dispiegarsi del segno, nell'elaborazione delle forme, nell'alternarsi dei colori, dalla luminosità dei materiali, dei contrasti e nell'accostamento delle tonalità sono elementi significativi all'interno dell'arte pura, non dell'arte applicata. E quindi già questi preziosi oggetti d'arte interpretano la vocazione all'irripetibilità, non alla serialità prodotto dell'industria.
Oggetti d'arte unici da considerarsi quindi microstrutture, e come tali rappresentativi di un valore espressivo che li propone non solo come oggetti ornamentali, ma come trasmissione di pensiero e di preciso stato d'animo.
 
 
Fonte: http://www.mdarte.it/ass/week/chichis/070310/evento.htm

Ricerca Personalizzata

Cerca con Google
Si è verificato un errore nel gadget